giovedì 20 febbraio 2020

10 Copertine di Dylan Dog inflenzate dall'arte e dal cinema

La sera scorsa discutevi con una brava e cara ragazza appassionata di Dylan Dog del recente rilancio editoriale del personaggio.
Nell'incedere della discussione ti si è accesa la solita -malsana- lampadina, ti è balenata l'idea di un articolo stile 
"Listone Giordano" come solo tu sai fare.
Di cosa parleremo oggi?

Esatto. Di lui e delle sue copertine. Un listone delle sue copertine

Dylan Dog nasce come fumetto popolare italiano, citazione della cultura pop e le sue copertine hanno coperto trent'anni di pubblicazioni, rifacendosi a film, quadri o dipinti.
Scopriamone assieme alcune.

Le copertine di Dylan Dog ritraevano disegni d'impatto mirabile, che mescolavano repulsione e surrealismo. Farne un elenco totale sarebbe impossibile, perciò ci siamo limitati a prenderne dieci.

Prima di cominciare, un grazie sentito all'utente Franny per l'aiuto alla stesura del pezzo, frutto della sua conoscenza sull'arte e della tua passione per il cinema.

Dylan Dog #15 - Canale 666

Titolo col numero della bestia, copertina con vari riferimenti cinematografici. Possiamo notare come il tema del mostro che esce dal televisore -ormai un clichè del genere- è utilizzato sin da Poltergeist di Tobe Hooper del 1982


Sarebbe però impossibile non citare anche Videodrome di David Cronenberg, in cui le scene cruciali vedono protagonista proprio il televisore.


Dylan Dog #24 - I Conigli Rosa Uccidono

In questa immagine riconosciamo un altro clichè del genere, la motosega di Latherface, serial-killer de Non Aprite quella Porta.
Ma non ci soffermeremo su questo. Il coniglio antropomorfo ha una certa somiglianza con Roger Rabbit, la star del film di Robert Zemeckis uscito lo stesso anno dell'albo, cioè il 1988.


Dylan Dog #41 - Golconda

Citazione "telefonata" -come si suol dire- all'omonimo dipinto del pittore Olandese Renè Magritte, che vede degli inquietanti uomini in bombetta calare su Londra.


Dylan Dog - Collezione storica a colori #5

Sempre in merito a Canale 666 in questa riedizione te ci hai visto Beliar, mostro deforme protagonista del film Basket Case di Frank Henenlotter.

Di cui hai trovato solo un immagine di buona qualità del suo sequel.
Non rompete! Questo passa il convento!

Dylan Dog #46 - Inferni

E qui il più esperto critico d'arte potrebbe cogliere una marea di citazioni: dalle litografie della Divina Commedia di Gustave Dorè alle visioni demoniache di M.C. Escher. Ma a colpo d'occhio, e rifacendosi al titolo, ci è sembrato un omaggio non velato a Hyeronimus Bosch (di cui accennavamo qualcosa QUI) e ai particolari del suo pannello chiamato Inferno Musicale.
Particolare del trittico "Giardino dell'Eden".
Immagini rassicuranti in questo Blog
Dylan Dog #59 - Gente che Scompare

Qui abbiamo due opinioni differenti, La buona Franny ci ha visto un quadro di Giorgio De Chirico, esponente della Pittura Metafisica.

"Canto d'Amore" di Giorgio De Chirico
Tu -da buon sempliciotto quale sei- ci vedi il celeberrimo faccione della Luna nel classico film di Georges Méliès: Le Voyage Dans la Lune del 1902


Dylan Dog #63 - Maelstorm!

Qui è la Franny che coglie il riferimento alla spazialità del già citato Escher, che con le sue visioni geometriche ha ispirato autori fra cui mangaka, registi e artisti d'ogni genere


Dylan Dog Grande Ristampa #22 
(Partita con la morte)

Usciamo ancora una volta dal seminato della serie regolare. 
La storia originariamente compare in Dylan Dog #66 del 1992 e riprende più che fedelmente il tema dell'allegoria sulla vita di Ingmar Bergman col suo "Il Settimo Sigillo". La copertina originale però non rendeva al meglio l'idea, e siccome fu realizzata più volte fra raccolte ed almanacchi, sei andato a pescarne una che è la copia palese di un celebre fotogramma del film, in cui il cavaliere gioca a scacchi con la morte.


Dylan Dog #79 - La Fata del Male

La Bambola che si avventa su Dylan è identica a Chucky, la Bambola Assassina del film di Tom Holland.


Dylan Dog #170 - La Piccola Morte

Chiudiamo con uno dei tuoi primi numeri di Dylan Dog, una delle più belle storie lette sul personaggio durante la tua giovinezza (*Sigh!*). La piccola morte strizza volutamente l'occhio alla serie di film splatter Scanners.


Anche per oggi abbiamo finito. 
Ancora un sentito grazie a Franny per averti dato una mano coi riferimenti e le copertine, ed averti portato a sviluppare l'idea per il pezzo.

A Presto!

-Nero-

5 commenti:

  1. Alcune sono indubbiamente palesi, tanto che è impossibile che non siano quelle.
    Sulla luna di Méliès ho qualche dubbio...

    Moz-

    RispondiElimina
  2. e nel numero killer, c'è il chiaro rifacimento a terminator

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, sia per il commento che per l'informazione! Dylan è una miniera inesauribile di citazioni

      Elimina
  3. Sei migliorato molto dal punto di vista qualitativo. Mi fermo un anno e mezzo e ti ritrovo così. Molto sintetico e interessante. Bravo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mille Pakos! Aspetto di ritrovare i tuoi articoli!

      Elimina